6+1 SUGGERIMENTI PER CHI AFFRONTA MOMENTI DURI

Sometimes you win sometimes you learn

Caro lettore di Coachingaziendale, nelle ultime settimane avrai notato che abbiamo rallentato la pubblicazione di articoli e contenuti del blog. Mi scuso personalmente con te: abbiamo dovuto affrontare diversi cambiamenti (come anche il resto del gruppo di Human Performance Italia, di cui questo blog fa parte). Ad esempio la sede centrale si è spostata da Pordenone a Padova, e puoi immaginare cosa significhi. Ci sono delle new entry nello staff (a cui auguro pubblicamente in bocca al lupo), e per non farmi mancare nulla ho anche avuto qualche problemino di salute che mi ha allontanato dalle attività per qualche settimana.

Ma da quest’oggi riprenderemo regolarmente la pubblicazione di contenuti e articoli ricchi di suggerimenti per lo sviluppo manageriale.

E proprio da queste esperienze che voglio partire in questo articolo. Perché nella vita di un manager, di un imprenditore, di un dirigente, alla pari di chiunque, i momenti di entusiasmo si alternano velocemente ai momenti difficili e complicati (anche a livello personale).

“E c’è poco da fare: siamo un elemento unico, per cui le sfere personali e professionali a volte si influenzano.”

Ed è per questo che oggi scelgo di condividere alcuni spunti appresi dalle recenti esperienze che ancora una volta ha reso chiaro (a me e a chi collabora con me) quanto sia importante la capacità di Gestire un Cambiamento. Perché? E’ semplice: siamo perennemente stimolati al cambiamento, nella vita, nel lavoro, nelle relazioni lavorative o personali, per migliorare la nostra salute o per superare i momenti duri. Cambiamenti di poco conto, o a volte addirittura cambiamenti pesanti da sopportare (insomma dei veri colpi).

Sono certo che avrai certamente sperimentato nella tua vita, esistono due tipi cambiamenti:

  • quelli che desideri, che prevedi, che programmi, che ti entusiasmano, e che portano con sé motivazione e voglia di fare
  • cambiamenti indesiderati ovvero quelli che ti piovono addosso, che non hai scelto, che subisci, che non sei in grado di programmare (se non dopo averli digeriti..) e che si portano dietro un pieno di emozioni negative e demotivanti.

Io auguro a chiunque di avere nella tua vita, solo cambiamenti Desiderati. Sono i più semplici da gestire. Certo anche per gestire questo tipo di cambiamenti sono importanti alcune competenze: saper definire bene un obiettivo, saper mantenere alta la motivazione sul lungo periodo, saper pianificare e così via, e spero nei prossimi articoli di toccare alcuni di questi temi. Ma ti assicuro che è il meglio che possa capitarti, perché il secondo tipo di cambiamenti (quelli Imprevisti e Indesiderati), sono i più difficili, pericolosi e faticosi da imparare a gestire (soprattutto dal punto di vista emotivo). Prova a immaginare qualcosa che abbia a che fare con un licenziamento, una perdita grave, i sentimenti, , un problema di salute.

E quindi cosa fare se sei nel mezzo di questo secondo tipo di cambiamento? Ti fornisco alcune risorse e spunti che spero possano essere facili da seguire:

  1. La capacità da acquisire è LA RESILIENZA che è la capacità di risollevarsi. Ti consiglio vivamente di leggerti questo mio articolo che ti spiegherà bene cos’è e come svilupparla.
  2. Vison: ci vorrà un po’ di tempo (e anche un po’ di aiuto), ma ad un certo punto sarai pronto a chiederti “Ed ora? Come cambierà la mia vita?” Quando sei a questo punto hai bisogno di ricostruire una Visione, ed in questo articolo troverai una guida per costruire una nuova Vision
  3. Se hai bisogno, non fare l’eroe: chiedi aiuto a qualcuno che possa farlo per bene e che sappia come fare.
  4. Sforzati di fare qualsiasi attività motoria: camminare tutte le mattine, inizia o riprendi a correre, yoga, un corso di difesa personale, qualsiasi cosa va bene: scegli quella più semplice per te.
  5. Inizia a lavorare sulla nuova convinzione che dopo questa prova sarai Migliore, più Forte, più Resiliente.
  6. La cosa più difficile: gestisci i pensieri negativi, quelli pieni di rancore, le paure che ogni momenti critico porta con sé. Come? Leggi qualcosa di potenziante, Libri sullo sviluppo personale (qui ne segnalo 9), guarda video di film basati su storie positive e vere (segnalamene qualcuno nei commenti), e impegnati di più sul punto 4.

Ed ora siamo all’ultima dritta, quella che ti farà pensare “questo è matto” non leggerò più questo blog. Sei pronto?

     7. Perdona e Abbraccia chi ti ha provocato il dolore. Già proprio così. Se hai dovuto subire un cambiamento, magari un duro colpo, può essere che sia stato causato da una persona, o magari causato da te stesso. Immagino che sia arrabbiato. Bè fai la cosa più bella per te, quella che ti distinguerà, che ti farà sentire Ok, e che ti farà tanto (ma tanto) bene. Quindi quando ti senti pronto:  Perdona. Anzi di più, inviagli mentalmente un abbraccio lungo. Un abbraccio soprattutto se lungo (almeno 20 secondi è dimostrato scientificamente), ti regalerà sollievo. Ma non aspettare troppo, potrebbe incancrenirsi il dolore (o rancore) ed impedirti di crescere e diventare una persona migliore. E se sei arrabbiato con te stesso? La tecnica non cambia: perdonati e abbracciati (o immagina di farlo).

Anch’io l’ho fatto, poco fa, ed ho mandato un abbraccio a chi (in parte) ha causato un po’ di sofferenze. E questo articolo ne è la conseguenza. Quindi se lo faccio io, puoi farlo anche tu.

Concludo regalandoti una frase che mi ha colpito proprio di recente e per cui ringrazio Lucia Vallesi:

quando qualcuno ti abbraccia

Colgo l’occasione per dedicare questo mio articolo a tutti coloro che mi sono stati vicino in questi anni di entusiasmo, di crescita, trasformazioni, e delusioni. Che mi hanno abbracciato al momento giusto, o me ne hanno chiesto uno, o semplicemente: mi sono stati affianco. Spero di avervi ripagato. E ringrazio chi mi sta vicino oggi, e condivide con me Vision, Passioni e Valori.

E ora ti chiedo un favore: sono convinto che questo articolo possa essere utile a molti. Per cui dammi una mano a condividerlo. Grazie.

Ovviamente ti saluto con un abbraccio

Sergio Amatulli

Non perderti i prossimi articoli, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Facebook Comments
Sergio Amatulli
Seguimi

Sergio Amatulli

Sergio Amatulli at Human Performance Italia
Sergio Amatulli è il fondatore della Human Performance, un esperto Executive e Team Coach, Docente in ambito Soft Skills, si occupa di sviluppo di progetti di cambiamento e sviluppo organizzativo in azienda. Opera in tutto il Nord Italia, ed è un appassionato studioso di Leadership e Intelligenza Emotiva.
Svolge spesso interventi come Temporary Manager nel ruolo di Direttore Organizzazione e Formazione, presso piccole e medie imprese.
Sergio Amatulli
Seguimi

One thought on “6+1 SUGGERIMENTI PER CHI AFFRONTA MOMENTI DURI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *